Corsi di Acconciature per Parrucchieri il Giornale del Parrucchiere

PARRUCCHIERE RICCO vs PARRUCCHIERE POVERO

Un articolo di Marco Bussa

20 Settembre 2016

Parrucchiere Ricco Marco Bussa

Da un po' di tempo a questa parte sempre più parrucchieri con cui vengo in contatto mi chiedono quale sia la differenza che fa la differenza tra un parrucchiere di successo (ricordo che successo è il participio passato di succedere), ovvero un parrucchiere che FA accadere le cose e non le subisce, e un parrucchiere che invece successo non ne ottiene.

Ciao, sono Marco Bussa e oggi voglio subito arrivare al nocciolo della questione, in modo che scoprirai il primo fattore critico di successo degli imprenditori che “ce la fanno”.

Il primo e più importante fattore che fa tutta la differenza del Mondo è la mentalità della persona e quindi l'atteggiamento che questa ha nei confronti delle sfide e delle innovazioni che la vita e il mercato le pongono davanti.

Forse l'avrete già sentito, forse penserete che siano le solite cose che vogliono dire tutto e nulla.

Per cui non voglio che mi crediate, voglio dimostrarvelo.

Quello che farò è prendere diversi argomenti di vita quotidiana del salone e li declinerò attraverso due visioni: quella del PARUCCHIERE RICCO, che vede le opportunità di guadagno e di crescita in termini di notorietà, clienti e fatturato, e quella del PARRUCCHIERE POVERO, che invece vede solo ostacoli davanti al suo cammino.

LA CRISI

Parrucchiere Ricco

Parrucchiere Povero

Oggi sono cambiate le abitudine di acquisto: ormai le clienti sono meno fedeli di un tempo perché hanno più possibilità di spostarsi e quindi ho l'opportunità di conquistare nuove clienti dando loro una giusta e vantaggiosa motivazione per venire a farsi belle da me. Inoltre hanno allungato i tempi tra un servizio e l'altro, ma quando tornano sono disposte a spendere di più per servizi di qualità che la facciano sentire più bella e che migliorino la loro qualità di vita.

Tutta Colpa della Crisi!

Ci sono meno soldi, le persone vengono meno e non vogliono spendere. In più ci si mette anche lo Stato, che non fa niente per incentivare il lavoro ed alza solo le tasse, dando i soldi ai migranti anziché agli italiani.

L' unica cosa da fare è abbassare i prezzi, risparmiando qual cosina sui prodotti!



Capisci la differenza? Una persona è focalizzata sulla soluzione di come poter “cavalcare” il cambiamento che inevitabilmente sta vivendo, l'altra solo sui problemi che limitano. Questo non significa che i problemi non esistano, solo che bisogna concentrarsi sul nuovo modo di pensare alle soluzioni, piuttosto che soffermarci sulle cose che non vanno.

I COLLABORATORI

Parrucchiere Ricco

Parrucchiere Povero

Voglio tirar fuori il meglio dalle persone che lavorano con me, perché so che in ogni persona c'è del potenziale inespresso. Sta a me creare una grande squadra motivata, essere capace di diventare per loro un Leader, una guida, perché possono aiutarmi a raggiungere i miei obiettivi e tutti insieme essere capaci di imparare e crescere divertendoci in un ambiente positivo e sereno.

A volte vorrei essere da solo. Sono SCHIAVO dei miei dipendenti!

Avere dipendenti oggi significa avere soltanto grane e zero soddisfazioni: fanno quello che vogliono e non puoi dirlo nulla, investi mandandoli a fare formazione e tanto poi vanno via e praticamente guadagnano più di me.

Quasi quasi torno a fare il dipendente anche io!

Il Parrucchiere Ricco vede il dipendente come valore aggiunto da far crescere e che, se correttamente stimolato e formato, possa aiutarlo a raggiungere i propri obiettivi; Il Parrucchiere Povero vede solo gli aspetti negativi perché non è in grado né conosce le strategie per motivare il personale, tantomeno di valorizzarlo. E questo poiché non si è accorto che cambiando i tempi, anche i modi di interagire e le motivazioni (motiv-azioni = i motivi per agire) delle persone sono cambiate.

LA FORMAZIONE

Parrucchiere Ricco

Parrucchiere Povero

Non vedo l'ora di andare a fare il corso. Sicuramente mi e ci darà una grossa spinta per offrire sempre servizi innovativi, essere all'avanguardia prima di tutti e tanta tanta motivazione e passione da trasmettere alle nostre clienti che vogliamo sempre stimolate e soddisfatte

Non ho voglia di perdere domenica e lunedì per andare a dei corsi, dove ormai sono anni che si fanno sempre le solite cose, viste e riviste.

Voglio godermi il meritato riposo dopo una settimana dura e noiosa.

La formazione Tecnico/Stilistica, ma anche manageriale, è importantissima nel settore della Bellezza per creare un vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza che arriverà sulle novità solo qualche settimana dopo che noi avremo già iniziato a proporla, e soprattutto per parlare delle nuove tendenze alle nostre clienti che sono sempre più esigenti ed informate.

E' saggio riposarsi e passare tempo con i nostri cari. Ci permettere di ricaricare. Ma l'idea che la formazione sia una perdita di tempo, fa rabbrividire.

REGALARE UN SERVIZIO AD UNA CLIENTE

Parrucchiere Ricco

Parrucchiere Povero

Se riuscirò a far provare la qualità che offre il Nostro Salone, sono sicuro che sapremo conquistarle il Cuore, così potrò proporle una miriade di altri servizi, anche se questa volta gliene ho regalato uno.

Oramai le persone sono abituate ad acquistare dove trovano un vantaggio. Soprattutto se devono cambiare abitudini, hanno bisogno di una forte motivazione.

Perché mai dovrei regalare il mio lavoro e dei prodotti che ho già pagato ad una cliente?

Roba da matti.

Questo si chiama SVENDERSI!

Oggi le persone sono abituate ad acquistare dove trovano un vantaggio: Pensa a come acquisti anche tu: Booking, Amazon, Zalando, Yoox, ecc. hanno introdotto da anni nelle nostre abitudini un “fattore convenienza” che ormai ricerchiamo un po' ovunque. Non ci si può fare nulla, è un qualcosa di concreto oggi. Così anche le tue clienti acquistano in questo modo. Il Parrucchiere Ricco lo sa e anziché contrastare e ribellarsi a questo cambiamento, lo sfrutta creando una vantaggio per chi decide di cambiare o di tornare prima di quando sarebbe tornata di solito.

“Le persone non vogliono auto che costano poco, vogliono auto costose ad un prezzo più basso” cit.

Potrei continuare all'infinito con gli esempi, ma ciò che conta è che ti fermi a riflettere. E non intendo su cosa sia giusto o sbagliato, su cosa sia meglio o peggio, ma su cosa ti porta risultati.

Hai due modi di affrontare questo periodo storico: provando a cavalcare e dominare il cambiamento trasformandolo in opportunità, oppure cercando di contrastarlo lamentandoti per tutti i problemi che esistono su questo Pianeta (e oltre, perché ultimamente qualcuno è riuscito anche prospettarmi la problematica impellente dell'invasione già in atto di forme di vita aliene).

Sta a te decidere se essere un PARRUCCHIERE RICCO, e non solo dal punto di vista di ricchezza monetaria, ma anche di spirito, di conoscenze, e di positività, oppure se essere un PARRUCCHIERE POVERO, anche in termini di qualità di vita, di felicità nel fare quello che fai, e delle persone di cui ti circonderai.

A te la scelta...

questo articolo piace a:

Un articolo di Marco Bussa

MARCO BUSSA:

Aiuto i parrucchieri che vogliono crescere, imparare e migliorare, ad avere un vantaggio competitivo sul mercato in modo che guadagnino più soldi per non essere più schiavi del loro salone e per avere più tempo da dedicare alle Cose o Persone che Amano.

Anche tu puoi pubblicare un articolo sul Giornale del Parrucchiere. Inviaci la tua richiesta:

© RIPRODUZIONE RISERVATA. il Giornale del Parrucchiere

il Giornale del Parrucchiere piace a:


ilGiornaleDelParrucchiere.com
Copyright © 2014

P.IVA 11610150010